VIGILI DEL FUOCO MODENA, I SINDACATI CHIEDONO L’ASSEGNAZIONE URGENTE DEL COMANDANTE

E’ più di un anno che i Vigili del Fuoco di Modena sono senza una vera e propria guida per l’organizzazione del Comando, mettendo in grave difficoltà la gestione del servizio, con ricadute anche per la sicurezza dei lavoratori.

Infatti, da più di un anno, dopo il pensionamento del precedente dirigente a Modena, manca il Comandante dei pompieri e quindi non esiste un punto di riferimento a cui ci si può rivolgere per trovare le giuste risoluzioni ai problemi quotidiani, ma, peggio ancora, non esiste alcuna programmazione delle attività a cui ogni Comando provinciale è chiamato a rispondere.

I lavoratori sia amministrativi che operativi sono vittime di un disorientamento organizzativo che, certamente, non giova all’immagine del servizio costruita nel corso degli anni e che ha portato a garantire la copertura del soccorso nell’intero territorio provinciale.

L’assenza di un coordinamento rischia di lasciare spazio a soluzioni estemporanee e di adottare iniziative non appropriate.

Nel corso di questi mesi i sindacalisti del settore di Cgil Cisl e Uil hanno inviato al Dipartimento dei Vigili del Fuoco precise note di richiesta di assegnazione di un Dirigente considerato il fatto che la provincia di Modena da oltre un anno convive con la situazione emergenziale derivante dal terremoto del maggio 2012.

Il risultato degli appelli al Ministero dell’Interno è stato un mortificante silenzio che è la dimostrazione evidente dell’assenza di consapevolezza dei problemi quotidiani con i quali si trovano a convivere coloro che svolgono il servizio di soccorso ai cittadini dell’intera provincia di Modena.

Questa situazione non può più essere tollerata visto che la gestione del servizio di soccorso deve assolutamente derivare da una linea di comando, che però oggi non esiste e che è alla base della preoccupazione dei sindacati per la sicurezza dei lavoratori e della cittadinanza.

La dimostrazione dell’assenza di consapevolezza dei problemi che si vivono presso il Comando di Modena, è data dal fatto che il Ministero, anche nei mesi successivi al terremoto, non ha manifestato attenzione alle criticità del Comando, richiamandolo addirittura a limitare le spese per il funzionamento degli automezzi, senza preoccuparsi minimamente del grande lavoro conseguente agli eventi calamitosi nella Bassa Modenese.

Non è più accettabile che a Modena i Vigili del Fuoco siano senza un Comandante. I sindacalisti rivolgono perciò un appello anche alle forze politiche di Modena affinchè si uniscano alle loro denunce.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*