SCIOPERO LAVORATORI CIE, GIOVEDÌ 28 FEBBRAIO E VENERDÌ 1° MARZO

Comunicato stampa FP CGIL Modena

I lavoratori del Centro Identificazione ed Espulsione (CIE) di Modena sono in sciopero per l’intera giornata giovedì 28 febbraio e venerdì 1° marzo, per rivendicare gli stipendi che mancano da 4 mesi. Sono le prime due giornate di un pacchetto complessivo di 4 giorni di sciopero proclamati dalla Funzione Pubblica CGIL. Le successive due giornate di sciopero si terranno il 13 e 14 marzo 2013.

Il Sindacato ed i lavoratori sono decisi a continuare nella loro azione, in quanto, nonostante tutte le rassicurazioni arrivate dal Consorzio e dalla Prefettura, le mensilità arretrate ancora non pagate sono una parte di novembre, tutto dicembre e gennaio, la tredicesima mensilità 2012. I lavoratori, nei giorni scorsi, si sono visti accreditare un bonifico corrispondente a circa il 40% della retribuzione di novembre arrivata dalle casse della Prefettura. L’Oasi, nel frattempo, non ha sborsato un euro.

La scorsa settimana sono circolate voci incoraggianti relative ad una possibile soluzione complessiva del problema, ma dal Consorzio L’Oasi continua a non arrivare nulla. Nemmeno il Direttore del Centro. Infatti da alcune settimane il CIE è rimasto senza Direttore. Il sindacato ed i lavoratori continuano a chiedersi come sarà possibile continuare a gestire un servizio di pubblica sicurezza in condizioni simili.

Giovedì mattina, alle 9.30, una delegazione composta da sindacalisti e rappresentanti dei lavoratori sarà ricevuta dall’Amministrazione Comunale di Modena per discutere della vertenza in atto, delle tensioni crescenti all’interno del CIE e del profondo disagio economico in cui versano i lavoratori.

La FP CGIL ed i lavoratori, intanto, confermano di ricorrere anche agli strumenti legali per esigere la retribuzione dovuta.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*