NORME RELATIVE AL PERSONALE ED AL FUNZIONAMENTO DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Lavoratori precari (commi 400-401)

Al comma 400 viene data la possibilità alle amministrazioni pubbliche di prorogare i contratti a tempo determinato di quei lavoratori precari che hanno raggiunto il limite dei 36 mesi (comprensivi di proroghe e rinnovi) ed il cui contratto non potrebbe essere ulteriormente rinnovato. La norma prevede nel dettaglio che sia possibile prorogare i contratti in scadenza, purché ancora in essere al 30 novembre 2012.

La proroga non potrà comunque superare il 31 luglio 2013.

Il comma 401 prevede inoltre che le amministrazioni pubbliche nei concorsi dovranno “favorire” l’assunzione a tempo indeterminato del personale precario, attraverso:

a) una riserva di posti, nel limite massimo del 40 per cento di quelli banditi, a favore dei titolari di rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato che, alla data di pubblicazione dei bandi, hanno maturato almeno tre anni di servizio alle dipendenze dell’amministrazione che emana il bando;

b) per titoli ed esami, finalizzati a valorizzare, con apposito punteggio, l’esperienza professionale maturata dal personale di cui alla lettera a) e di coloro che, alla data di emanazione del bando, hanno maturato almeno tre anni di contratto di collaborazione coordinata e continuativa nell’amministrazione che emana il bando.

Tutto ciò, però, nei limiti assunzionali previsti per le pubbliche amministrazioni, che, come ben noto, sono talmente stretti da rendere i concorsi pubblici una merce rarissima.

Sempre in tema di lavoratori precari, per il personale degli Sportelli Unici per l’Immigrazione e delle Questure è prevista la proroga dei contratti in scadenza fino al 30 giugno 2013.

Si tratta di un risultato fortemente voluto dalla CGIL, avente l’obiettivo di salvaguardare occupazione e qualità dei servizi. E’ comunque un risultato del tutto parziale, ed ora lavoreremo per cercare di creare le condizioni per ulteriori, necessari provvedimenti di proroghe e stabilizzazione.

Proroga graduatorie (comma 388)

E’ prevista la proroga delle graduatorie per assunzioni a tempo indeterminato fino al 30 giugno 2013.

Auto (commi 141-144)

Vengono peggiorate le già pesanti norme stabilite dalla “spending review”.

Infatti fino al 31 dicembre 2014 le amministrazioni pubbliche non potranno acquistare autovetture né potranno stipulare contratti di locazione finanziaria aventi ad oggetto autovetture. Le relative procedure di acquisto iniziate a decorrere dal 9 ottobre 2012 sono revocate. Sono esclusi da questo provvedimento gli acquisti effettuati per le esigenze del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, per i servizi istituzionali di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, per i servizi sociali e sanitari svolti per garantire i livelli essenziali di assistenza.

E’ triste dovere ripetere che, fuori dalla retorica, il Governo dovrebbe sapere che non esistono solamente le “auto blu”, ma anche tantissime auto di servizio che debbono essere normalmente utilizzate per lavoro (servizi ispettivi, servizi sanitari e servizi assistenziali non essenziali, …). Limitarne l’uso e non rimborsare il lavoratore che, pur non essendone obbligato, utilizza la propria auto significa di fatto chiedere di lavorare di meno e non fornire i necessari servizi e le necessarie garanzie ai cittadini.