CONGEDI PARENTALI

(comma 339)

Vengono modificate alcune disposizioni del D.Lgs 151/2001 (Testo unico sulla maternità e paternità) al fine di recepire la Direttiva CE n.18 del 2010.

Con tali modifiche, all’art 32 del testo unico, si prevede che i congedi parentali possano essere fruiti anche su base oraria, e non solo a intera giornata lavorativa come avviene attualmente, attraverso la determinazione del monte ore relativo alla singola giornata. Per l’ applicazione occorrerà però attendere la contrattazione collettiva, in quanto la norma rimanda al contratto il compito di stabilire le modalità di fruizione.

La norma prevede anche che la contrattazione dovrà avere un particolare riguardo e attenzione alle modalità di fruizione per il personale del comparto sicurezza, difesa, vigili del fuoco e soccorso pubblico.

Viene leggermente modificato anche il comma riguardante le modalità di richiesta del congedo, confermando il periodo di preavviso di 15 giorni e introducendo l’obbligo di indicazione di inizio e fine del periodo.

Altra novità riguarda la previsione che durante il congedo il lavoratore e il datore di lavoro concordano, se necessario, adeguate misure della ripresa dell’attività lavorativa, tenendo conto anche di quanto eventualmente previsto dai contratti.

La norma è operativa dal 1 gennaio 2013, ma come sopra illustrato per l’attuazione concreta sarà necessario aspettare l’intervento della contrattazione… che per il pubblico impiego, alla luce del blocco dei rinnovi ha dei tempi non bene definiti!!