Riforma della tassazione immobiliare (Artt. 19-24)

TRISE

Il tributo sui servizi comunali sostanzialmente ricalca Tares e Imu sulla casa d’abitazione e sarà organizzato in due componenti: TARI e TASI.

TARI (componente relativa alla copertura dei costi del servizio di gestione dei rifiuti)

La quota TARI replica di fatto la quota destinata allo smaltimento dei rifiuti della Tares.

Il presupposto sarà il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali e aree scoperte.

Il comune commisura la tassa ai metri quadri dell’abitazione e deve determinare la tariffa in relazione al costo complessivo del servizio o alle quantitàqualità medie dei rifiuti, con l’obbligo di copertura integrale dei costi di raccolta e smaltimento.

Rimangono come per la Tares le esenzioni per aree che producono rifiuti speciali, e le riduzioni in caso di mancata attività, eccessiva distanza dai cassonetti ecc.

E’ prevista inoltre la possibilità per i comuni di prevedere riduzioni tariffarie per occupante singolo, fabbricati rurali, oltre ad altre riduzioni da deliberare.

L’autonomia dei comuni in merito alle riduzioni o agevolazioni è limitata entro il limite massimo del 7% del costo complessivo del servizio. A copertura di tali mancate entrate dovranno essere utilizzate le risorse derivanti dalla fiscalità generale del comune stesso.

In prospettiva tale quota, quando tutti i comuni avranno adottato un sistema di calcolo della produzione di rifiuti e della qualità degli stessi in relazione all’unità di superficie ed alle diverse tipologie di usi o attività svolte, nel rispetto del principio “chi inquina paga”, dovrebbe mutare nome in TARIP.

TASI

La quota TASI è dovuta per i servizi indivisibili dei comuni.

La quota TASI, di fatto, sostituisce la vecchia IMU sull’abitazione principale e la quota di 30 centesimi a metro quadro per i servizi indivisibili che andava aggiunta alla quota smaltimento rifiuti della Tares.

La base imponibile su cui si calcola è la stessa precedentemente utilizzata per l’applicazione dell’IMU ovvero, per le abitazioni, il valore della rendita catastale maggiorata del 5% moltiplicato per 160.

L’aliquota base TASI è pari all’1 per mille.

I comuni possono deliberare riduzioni fino all’azzeramento o aumenti che rispettino il vincolo in base al quale la somma delle aliquote Tasi al netto dell’aliquota base e dell’IMUper ciascuna tipologia di immobile non sia superiore all’aliquota massima consentita dalla legge statale per l’IMU al 31 dicembre 2013, in relazione alla medesima tipologia di immobile.

Per le abitazioni oltre la prima, quindi, la somma tra IMU e TASI non potrà esseresuperiore all’11,6 per mille (10,6 IMU + 1 TASI). Per le prima case di lusso tale somma IMU + TASI non potrà superare il 7 per mille (6 IMU + 1 TASI). Per le abitazioni principali l’aliquota massima TASI non può eccedere il 2,5 per mille. A differenza dell’IMU, la TASI non prevede detrazioni di base, né per i figli.

Nel caso in cui l’occupante sia soggetto diverso dal proprietario, quindi un inquilino in affitto, questo dovrà versare una quota TASI stabilita dal Comune e compresa tra il 10% eil 30%. La restante parte sarà pagata dal proprietario o titolare di diritto reale.

Il TRISE potrà essere rateizzato al massimo in 4 scadenze trimestrali. I modelli di pagamento, una volta effettuata la dichiarazione, dovranno essere inviati già compilati dagli enti impositori. Almeno quest’ultima é una novità positiva.

Modifiche IMU

L’IMU non è cancellata dall’ordinamento, ma rimane per le abitazione oltre quella principale e le abitazioni di lusso.

Prevista l’esenzione dal 2014 per le prime case non di lusso; potranno essere considerate abitazioni principali (a discrezione dei comuni) le case non locate di anziani ricoverati, italiani all’estero e quelle cedute in comodato gratuito a parenti entro il primo grado purchè di rendita inferiore a 500 euro o nel caso in cui l’ISEE del comodatario sia inferiore a15.000 euro.

L’IMU non si applica inoltre agli immobili di cooperative edilizie a proprietà indivisa quando abitazioni principali, agli alloggi sociali, alla casa coniugale assegnata al coniuge in caso di separazione, all’unico immobile non locato degli appartenenti alle forze armate in serviziopermanente.

Per le case di lusso (Cat. A/1, A/8, A/9, 73.000 circa in Italia) rimangono le detrazioni per abitazione principale, ma sono cancellate quelle per i figli.

 

Sotto il “ricatto” della destra la questione della tassazione dei patrimoni immobiliari si è trasformata in farsa.

Si è mantenuta con il TRISE, ed in particolare la quota TASI, una mini patrimoniale, che però tocca gran parte di quei cittadini che prima erano esenti grazie alle detrazioni operché erano inquilini.

Si riproporrà un problema di gettito che limiterà i Comuni nella loro discrezionalità impositiva. Infatti gli esigui margini per una minore imposizione ed una maggiore equità sono demandati ai comuni virtuosi.

Rispetto alla precedente tassazione sulla casa e sul servizio di smaltimento rifiuti, è probabile che la misura si risolva in un peggioramento o, al massimo, una “partita di giro”ed una sostanziale equivalenza alla condizione fiscale precedente.

Dalla relazione tecnica si evince come le risorse della TASI ad aliquota base combacino esattamente con le mancate entrate dell’IMU sulla casa d’abitazione (entrambi i valori sonopari a 3.764 milioni di euro).

Questo significa che la quota TASI farà recuperare risorse ai comuni sulle case oltre la prima, su cui graveranno entrambi i tributi, ma soprattutto sui possessori di abitazioni principali con rendita catastale bassa e i nuclei familiari numerosi. L’IMU infatti prevedeva una detrazione di 200 euro, che rendeva esenti le case di scarso valore (fino a circa 300 euro con l’aliquota base dello 0,04%), e che comunque era più percettibile tanto più basso era il valore della rendita. Il combinarsi dell’assenza della detrazione fissa e di una aliquota inferiore rispetto all’IMU ha come effetto un vantaggio che cresce all’aumentare del valore dell’immobile.

La quota Tasi, e questa è la novità, graverà anche sugli inquilini, che sappiamo essere prevalentemente lavoratori dipendenti, migranti e giovani.

Dai primi calcoli sembra che anche con l’aliquota base dell’1 per mille e un ricarico del solo 10% in capo all’inquilino la quota TASI possa essere superiore rispetto alla sola “quota servizi indivisibili” della vecchia Tares, soprattutto nelle aree ad alta densità abitativa le cuirendite catastali sono molto elevate.

Molto è demandato alle decisioni dei comuni la cui autonomia impositiva, come detto, può arrivare fino ad azzerare del tutto il tributo (anche se, visto lo stato in cui versano le casse comunali, l’azzeramento appare piuttosto improbabile…)

Inoltre la mancanza di detrazioni per figli renderà la TASI più gravosa dell’IMU per molte famiglie.

Alcuni esempi:

Rendita catastale

Figli

IMU 0,4%

TASI 0,1%

Differenze

€ 290,00

0

€ 0,00

€ 48,72

€ 48,72

€ 290,00

1

€ 0,00

€ 48,72

€ 48,72

€ 290,00

2

€ 0,00

€ 48,72

€ 48,72

€ 350,00

0

€ 35,20

€ 58,80

€ 23,60

€ 350,00

1

€ 0,00

€ 58,80

€ 58,80

€ 350,00

2

€ 0,00

€ 58,80

€ 58,80

€ 500,00

0

€ 136,00

€ 84,00

-€ 52,00

€ 500,00

1

€ 86,00

€ 84,00

-€ 2,00

€ 500,00

2

€ 36,00

€ 84,00

€ 48,00

€ 700,00

0

€ 270,40

€ 117,60

-€ 152,80

€ 700,00

1

€ 220,40

€ 117,60

-€ 102,80

€ 700,00

2

€ 170,40

€ 117,60

-€ 52,80

€ 1.000,00

0

€ 472,00

€ 168,00

-€ 304,00

€ 1.000,00

1

€ 422,00

€ 168,00

-€ 254,00

€ 1.000,00

2

€ 372,00

€ 168,00

-€ 204,00

€ 1.300,00

0

€ 673,60

€ 218,40

-€ 455,20

€ 1.300,00

1

€ 623,60

€ 218,40

-€ 405,20

€ 1.300,00

2

€ 573,60

€ 218,40

-€ 355,20

€ 1.700,00

0

€ 942,40

€ 285,60

-€ 656,80

€ 1.700,00

1

€ 892,40

€ 285,60

-€ 606,80

€ 1.700,00

2

€ 842,40

€ 285,60

-€ 556,80

 

Va sottolineato che senza una riforma del Catasto nessuna imposta che abbia come base imponibile la rendita catastale può considerarsi equa.

In sostituzione di questa tassazione generalizzata sugli immobili la Cgil ha riproposto la propria idea di Tassa sulle Grandi ricchezze (immobiliari e mobiliari), la quale con una franchigia di 800.000 euro ed una aliquota bassa e progressiva eviterebbe le iniquità verso i cittadini più deboli, consentendo un gettito maggiore e rendendo possibile, con aliquota addizionale per gli Enti locali, il conseguimento di un bilancio comunale più sano e certo.