MODENASSISTENZA, OPERAZIONE GUARDIA DI FINANZA: OPERAZIONE IMPORTANTISSIMA CONTRO BIECO SFRUTTAMENTO ED EVASIONE. RIMANE L’IMPEGNO PER RECUPERARE GLI STIPENDI DEI LAVORATORI.

Il sindacato FP/Cgil accoglie con soddisfazione l’importante operazione della Guardia di Finanza di Modena, riferita oggi dalla stampa, che ha portato allo scoperto la situazione di pesante illegalità con cui operava Modenassistenza.

La FP/Cgil da molto tempo segnalava la situazione insostenibile di molti lavoratori di questa impresa “cooperativa”: dalla scorsa estate il sindacato e i lavoratori si sono infatti mobilitati più volte con presidi per denunciare il mancato pagamento di varie mensilità arretrate, di 13^ mensilità, Tfr, malattia e maternità, assegni familiari, ma anche situazioni di lavoro palesemente irregolari.

Come dimostrano le irregolarità riscontrate dalla Guardia di Finanza si tratta di un caso eclatante di sfruttamento dei lavoratori e di inganno delle famiglie, oltre che di evasione nei confronti dello Stato e della collettività, per non dire della concorrenza sleale verso le imprese rispettose di leggi e conteratti. Nel settore dell’assistenza domiciliare privata, nodo cardine del welfare, quello venuto alla luce in queste ore non è certo un caso isolato: situazioni di irregolarità contrattuale/contributiva e di vera e propria illegalità, sono infatti piuttosto diffuse.

Vari lavoratori si sono infatti rivolti al sindacato segnalando analoghe situazioni.

Nel ribadire soddisfazione per l’operato della Guardia di Finanza, rimane però forte la preoccupazione rispetto al pagamento di quanto dovuto ai lavoratori di Modenassistenza. Molti di loro, in maggioranza donne straniere, hanno già contattato in queste ore il sindacato nella speranza che questa eclatante indagine possa rappresentare lo sblocco per rivedersi riconosciute le spettanze a cui hanno diritto.

La FP/Cgil insieme al proprio ufficio legale valuterà a breve come muoversi per garantire le migliori tutele per le lavoratrici.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*