SANITÀ PRIVATA: IL CONTRATTO NON E’ UNA MERCE! – SCIOPERO GENERALE NAZIONALE IL 12 DICEMBRE 2012

La Sanità Privata nel territorio modenese è costituita da cinque Case di Cura Private, da Hesperia Hospital e da alcuni Poliambulatori privati, che come è noto, garantiscono una parte rilevate delle prestazioni sanitarie dovute ai cittadini, integrando in modo indispensabile l’offerta del Servizio pubblico.

Negli ultimi 5 anni i tagli alle risorse su cui conta il Servizio Sanitario Nazionale sono arrivati alla cifra intollerabile di 34 miliardi e 928 milioni di euro, creando grosse preoccupazioni e molte incertezze per il futuro di migliaia di lavoratori nella nostra regione, perché ora le ricadute di queste scelte politiche, vanno a toccare direttamente anche le strutture private.

I tagli ai posti letto e ai Servizi essenziali contenuti nella “Spending Rewiev” che porta con sé la conseguente riduzione del personale, si sommano oggi alla difficoltà delle Strutture Private di mantenere i rapporti di committenza con le Aziende Sanitarie Locali, per effetto del “Decreto Balduzzi” che introduce la soglia minima degli 80 posti letto, per il mantenimento dei requisiti di accreditamento.

In questo quadro restano bloccati ormai da sette anni i Contratti Nazionali di Lavoro, mentre si fa strada il tentativo di introdurre nuovi accordi, ovviamente improntati al ribasso, come quello appena sottoscritto da quella parte datoriale che aderisce all’associazione ARIS.

Non meglio si comportano gli aderenti all’associazione AIOP-Confindustria, che rappresenta la totalità della spedalità privata modenese, i quali si nascondono dietro il mancato aumento delle tariffe sulle prestazioni rimborsate dalla Regione Emilia Romagna. Imprenditori privati che hanno quindi gravi responsabilità, perché intendono risparmiare riducendo i salari e mettendo a rischio i posti di lavoro, per difendere esclusivamente i loro profitti. Ancora una volta il costo della crisi viene presentato solo ai lavoratori.

Raccogliamo la loro legittima preoccupazione nelle Assemblee che come CGIL stiamo svolgendo, purtroppo ancora una volta da soli, in questi giorni in tutti i posti di lavoro. Porteremo queste preoccupazioni a conoscenza della cittadinanza durante un Volantinaggio previsto nella stessa giornata dello Sciopero, in Piazza Mazzini a Modena.

Non facciamo e non faremo mai distinzione fra lavoratori somministrati, precari o dipendenti, tutti i lavoratori hanno la stessa dignità e gli stessi diritti, per la CGIL nessuno è sacrificabile in nome del profitto.

Continueremo la nostra battaglia per non lasciare solo nessun lavoratore e lo faremo su tutti i tavoli di trattativa a partire da quello con il Governo, passando per il confronto con le Regioni, fino a quelli aziendali, coinvolgendo le istituzioni e la politica del territorio. Ricordiamo che la nostra Organizzazione sta denunciando da molto tempo l’insensatezza dei tagli alla Sanità e sta conducendo una battaglia di civiltà che ha come obiettivo il mantenimento dell’occupazione, il rinnovo dei Contratti Nazionali di Lavoro assieme alla difesa della qualità dei servizi, elemento imprescindibile per tutelare adeguatamente la salute dei cittadini.

Per dare visibilità alle giuste rivendicazioni dei lavoratori della Sanità Privata abbiamo proclamato una prima giornata di Sciopero per Mercoledì 12 dicembre 2012 e abbiamo in programma una seconda giornata di lotta che comprenderà anche una Manifestazione Nazionale a Roma, nel mese di Gennaio 2013.

Leggi il volantino: apri il volantino

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*