CgilMoFest@2012, 3 GIORNI DI DIBATTITI, MUSICA, SPETTACOLI AL PARCO FERRARI 11-12-13 MAGGIO

Modena, 8 maggio 2012

L’11-12-13 maggio la Cgil di Modena presenta CgilMoFest@2012.

Tre giorni di dibattiti, musica e spettacoli al parco Ferrari con punti ristoro, bancarelle e banchetti delle associazioni. Tanti ospiti, a cominciare dal governatore della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani ai sindacalisti di spicco Susanna Camusso, Carla Cantone, Morena Piccini, Vincenzo Colla. E poi la musica e i concerti dei Folkabbestia, Flexus, Lele Leonardi, Zambra Mora e il cabaret di Duilio Pizzocchi.

Dopo il successo nel 2011 della Notte Bianca per il Lavoro, quest’anno la Cgil rilancia con la nuova formula della 3 giorni di festa aperta a tutti e in particolare ai giovani.

“A fronte di una situazione di crisi persistente anche nella nostra provincia – ha commentato il segretario della Cgil Donato Pivanti stamattina in conferenza stampa – vogliamo proporre attraverso la formula della festa l’occasione per parlare di diritti e lavoro, per rimettere al centro il lavoro, le condizioni sociali, il welfare e lo sviluppo. Un modo per ragionare ma al tempo stesso divertirsi, stare insieme, un luogo di aggregazione”.

Pivanti ha citato alcuni dati sulla crisi a Modena: nel 2008 in provincia c’erano 685.000 residenti  295.000 posti di lavoro (compresi i contratti precari), nel 2011 i residenti sono saliti a 704.000 e i posti di lavoro sono scesi a 265.000. Il tasso di disoccupazione si aggira sull’8,5% che sommato ai lavoratori in cassa integrazione sale a circa l’11%. “Vogliamo parlare delle difficoltà del vivere delle famiglie, di giovani e lavoro, contratti precari, ma anche della riforma del mercato del lavoro e dell’attacco all’art.18 su cui rimane in campo lo sciopero generale proclamato dal Direttivo Cgil nazionale e da effettuarsi in concomitanza con il dibattito parlamentare sul disegno di legge”.

A precedere la 3 giorni di festa anche l’iniziativa “La riforma del lavoro spiegata in uno spritz!” giovedì 10 maggio in occasione della giornata nazionale contro la precarietà, in collaborazione con il sindacato atipici Nidil/Cgil

Venerdì 11 maggio

inaugurazione della festa alle ore 18 con il governatore della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani, il segretario della Cgil regionale Vincenzo Colla e il segretario della Cgil di Modena Donato Pivanti.

Alle ore 19 dibattito “L’Emilia-Romagna e l’Italia tra crisi e sviluppo” con Vasco Errani governatore Regione Emilia-Romagna e Vincenzo Colla segretario Cgil regionale. Modera Enrico Grazioli direttore La Nuova Gazzetta di Modena.

Alle ore 21 concerto di apertura dei Zambra Mora (che letteralmente significa “camera araba”) il quintetto formato da Luca Cacciatore sax e flauto, Paolo Bedini chitarra classica, Lucio Forghieri percussioni, Andrea Moretti contrabbasso, Mario Sethl violino, con la collaborazione stabile dal 2011 del batterista Igino Caselgrandi. Propone sonorità arabe, flamenco, musica ebraica, in particolare klezmer, swing manouche, sonorità balcaniche e zingare.

Alle ore 22 il ritorno a Modena dei Folkabbestia il gruppo folk-rock per antonomasia. Sei musicisti – Lorenzo Mannarini voce e chitarra, Francesco Fiore basso elettrico, Nicola De Liso batteria, Piero Santoro fisarmonica e cori, Simone Martorana chitarra e cori e Giorgio Distante tromba – propongono un’immersione nella tradizione italiana, stropicciata con fantasia e mutazioni stilistiche che spaziano dal folk al rock, dalla canzone d’autore a quella popolare, dallo ska al punk, lasciando scorrere energia e passione, intensità melodica che liberano danze sfrenate e baldorie in piazza.

Sabato 12 maggio

dibattito alle ore 18.30 “Il futuro non è più quello di una volta” con Ilaria Lani responsabile nazionale Politiche Giovanili Cgil, Fausto Raciti segretario nazionale Giovani Democratici, Marco Furfaro responsabile nazionale Politiche Giovanili SEL, Michele Orezzi coordinatore nazionale UDU-Unione degli Universitari. Modera Paolo Tomassone, giornalista TM News.

Alle ore 20.30 un gruppo di giovani lavoratori e precari, delegati e giovani immigrati intervistano il segretario generale nazionale della Cgil Susanna Camusso con domande che partiranno dalle loro specifiche condizioni per raccordarsi alle politiche del sindacato.

Alle ore 22.15 il divertente cabaret di Duilio Pizzocchi a base di monologhi, improvvisazioni e travestimenti accompagnati dalla musica dei Flexus che proporranno brani originali dal loro ultimo albumSatelliti inversi” (novembre 2011) e cover rivisitate.

Duilio Pizzocchi è noto per i suoi numerosi personaggi umoristici proposti in programmi radio e televisivi locali e nazionali, tra cui Zelig e Maurizio Costanzo Show, di cui ha anche fatto la parodia con il suo Costipanzo Show.

I Flexus, band carpigiana attiva da 10 anni, con diverse esperienze dal rock al teatro (anche per ragazzi), è nota, fra l’altro, per lo spettacolo teatrale tradotto anche in album “Flexus e Coro delle Mondine di Novi cantano De Andrè”.

Domenica 13 maggio

la mattina dibattito alle ore 10.30 su “Welfare, lavoro e pensioni” con Carla Cantone segretario nazionale sindacato pensionati Spi/Cgil e Morena Piccinini direttore nazionale Inca/Cgil che illustreranno le proposte del sindacato su questi temi, oltre ad affrontare le questioni di stretta attualità legate alla riforma come l’allungamento dell’età pensionabile, i tagli al welfare, gli esodati e i riscatti pensionistici onerosi.

Alle 12.30 pranzo di autofinanziamento.

Appuntamento musicale alle ore 20 con il concerto-aperitivo di un altro musicista legato al territorio, il vignolese Lele Leonardi che presenta “Super Planet Spilla” con Lele Leonardi alla chitarra, Daniele Bagni al basso e Fabio Leonardi alla batteria. Un album rock-sentimentale con l’ambizione di trasformare le parole in energia musicale.

L’aperitivo multietnico è organizzato in collaborazione con l’associazione culturale di cittadini immigrati “Casa della Saggezza, Misericordia e Convivenza” che proporrà piatti a base di cous-cous.

Nelle serate di venerdì e sabato, dalla mezzanotte in poi Pelle DJ Set.

Nelle due giornate di venerdì e sabato e domenica a mezzogiorno funzioneranno bar e ristorante.

8/5/2012

LA RIFORMA DEL LAVORO SPIEGATA IN UNO SPRITZ !

aperitivo-dibattito

giovedì 10 maggio 2012

ore 18.30 – presso il pub-bar “Naturalmente”, via Taglio 99

Giovani, studenti e precari si confrontano con avvocati e giuristi nel dibattito-aperitivo sulla riforma del mercato del lavoro al vaglio del Parlamento, giovedì prossimo 10 maggio.

Alle ore 18.30 presso il locale “Naturalmente” di via Taglio 99, gli avvocati del lavoro Ernesto Giliani e Fabrizio Fiorini e la professoressa Barbara Maiani dell’Università di Modena e Reggio Emilia, saranno a disposizione dei giovani che vorranno loro porre domande sui contratti di lavoro precari, le tutele previste, i compensi, ecc… e più in generale su tutti gli aspetti della riforma del mercato del lavoro varata dal Governo Monti e attualmente al vaglio del Parlamento.

L’iniziativa della Cgil di Modena, in collaborazione con il sindacato lavori atipici Nidil/Cgil, si inserisce nella mobilitazione nazionale della Cgil giovedì 10 maggio per la giornata contro la precarietà che prevede nelle principali città italiane iniziative analoghe, presidi, cortei e azioni in luoghi simbolo.

La mobilitazione nazionale vuole far emergere le contraddizioni della riforma del mercato del lavoro “che tradisce le tante promesse rivolte ai giovani e ai precari” spiegano i sindacalisti di Nidil/Cgil. “Il Governo – proseguono – ha presentato la riforma come risposta per dare lavoro ai giovani, ridurre la precarietà ed estendere a tutti gli ammortizzatori sociali. In realtà il Disegno di Legge tradisce questi obiettivi: non si riducono le tipologie contrattuali, non si contrasta con efficacia l’abuso di contratti precari, si scarica il maggior costo contributivo su collaboratori a progetto e partite Iva, non si rendono effettivamente universali gli ammortizzatori sociali”.

La Cgil e Nidil, all’insegna di “basta promesse e bugie”, chiedono una riforma del lavoro che contrasti davvero la precarietà e dia lavoro ai giovani.

Si chiede la riduzione delle 46 tipologie contrattuali esistenti, impedire l’uso improprio di stage e lavoro autonomo, ammortizzatori sociali davvero universali estendendo l’indennità di disoccupazione a tutti i precari, compensi equi con minimi contrattuali che devono valere per tutti per evitare che l’aumento dei contributi gravi su collaboratori e partite Iva. La Cgil chiede investimenti e innovazione per combattere la disoccupazione.

Nella serata di domenica sarà in funzione solo il servizio bar. Previsto l’aperitivo multietnico.

http://www.cgilmodena.it/wp-content/uploads/2012/05/CgilMoFest@2012-pieghevole.pdf

 

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*